.

.

Il giorno che morì Stalin di Doris Lessing

Autore: Doris Lessing
Curatore: Cristina Gamberi
Traduttore: Bianca Tarozzi
Collana: PAPYNGO

Con Il giorno che morì Stalin, pubblicato nel 1957 e ora presentato al lettore italiano in prima edizione, possiamo riscoprire il talento straordinario di Doris Lessing – Premio Nobel per la letteratura e «cantrice epica della condizione femminile» – nel padroneggiare magistralmente la forma del racconto breve.

Sullo sfondo di un piovoso pomeriggio londinese, una giovane donna, scrittrice e simpatizzante comunista, apprende dai quotidiani la notizia dell’imminente morte di Stalin mentre sta accompagnando la zia e la cugina a un disastroso appuntamento dal fotografo. Scandiscono una giornata apparentemente banale la figura di un tassista, di un giornalaio e di vari militanti comunisti che compongono un variegato quanto marginale milieu umano.

Il racconto appartiene al primo periodo realista di Lessing, caratterizzato da una prosa inquieta e percorso da un tono di satira sociale, ma anticipa anche quell’amara disillusione nei confronti dell’impegno politico, che esploderà solo pochi anni dopo nella “sezione rossa” del Taccuino d’oro.

Doris Lessing (1919-2013) è tra le scrittrici più affermate della letteratura mondiale. Ha vinto il premio Nobel nel 2007 ed è nota per titoli come Il taccuino d'oror (Feltrinelli 1964), Il diario di Jane Somers (Feltrinelli 1986), Martha Quest (1991), Echi della tempesta, (Feltrinelli 1994), L’abitudine di amare (Feltrinelli 2003), Il sogno più dolce (Feltrinelli 2003).

http://www.edizioniets.com/scheda.asp?N=9788846738622

William Grill - L’incredibile viaggio di Shackleton

L’incredibile viaggio di Shackleton celebra il 100° anniversario della partenza dell’Endurance, il 1° agosto 1914, alla volta della fine del mondo.
«E’ nella nostra natura di uomini esplorare e tendere verso l’ignoto. L’unico vero fallimento sarebbe non partire all’esplorazione» Ernest Shackleton
«Con il suo modo di narrare ingegnoso e le sue illustrazioni intelligenti ed evocative, questo elegante racconto creato per i bambini catturerà anche moltissimi adulti.» the Guardian
Questo libro racconta con grande ricchezza di dettagli uno dei più avventurosi viaggi mai condotti dall’uomo: la spedizione della Endurance, la nave che Ernest Shackleton nel 1914 guidò alla scoperta del Polo Sud. L’obiettivo del coraggioso esploratore era attraversare l’intero continente antartico, da un mare all’altro. A bordo della nave partirono 27 uomini e 69 cani da slitta. L’impresa fu forse la più lunga e perigliosa nella storia delle esplorazioni: l’Endurance rimase incastrata tra i ghiacci e l’equipaggio fu costretto ad abbandonarla. Dopo due anni e 30 giorni di freddo, fatica, fame, condizioni avverse e ogni genere di pericolo, tutti gli uomini dell a spedizione furono miracolosamente tratti in salvo grazie all’incredibile ingegno di Shackleton, che era salpato a bordo di una scialuppa verso la terraferma per cercare soccorsi. Le straordinarie illustrazioni di William Grill interpretano le informazioni storiche e geografiche con una dovizia di particolari e una precisione che non possono che catturare l’immaginazione di tutti i lettori, bambini o adulti che siano. Lo stile unico di William Grill dà vita alla storia vera di Ernest Shackleton e dei suoi uomini, protagonisti di una delle avventure più epiche della storia.
 
William Grill è uno dei più promettenti illustratori inglesi degli ultimi anni. Giovanissimo, ha già lavorato per il New York Times, curato l’immagine dei magazzini Harrods e vinto numerosi premi.
 
Isbn Edizioni
72 pagine | 19 euro
Uscita 25 settembre 2014
http://www.isbnedizioni.it/libro/329